La pragmatica della comuncazione della scuola di Palo Alto

Quando le persone comunicano, oltre che scambiarsi informazioni, danno vita a un’interpretazione sociale, cioè compiono una sequenza di azioni concatenate, di mosse attraverso le quali si influenzano reciprocamente. La comunicazione interpersonale, se vista come interazione, è un processo in cui da uno stato iniziale si arriva ad uno stato finale attraverso vicende intermedie.

Negli anni Sessanta e Settanta l’idea che la comunicazione interpersonale sia interazione si è fatta strada grazie a contributi maturati in diverse aree.

Un gruppo di ricercatori ( Watzlawick, Helmick-Beavin, Jackson, 1967 ) ha tentato di elaborare una teoria generale dell’interazione nella comunicazione interpersonale, basata su cinque assiomi, cinque affermazioni fondamentali su come si svolge l’interazione.  Nella “Pragmatica della Comunicazione Umana” sono enunciati i cosiddetti assiomi della comunicazione che, dalla pubblicazione del testo (1967), hanno modificato in modo radicale ed irreversibile il percorso della psicologia contemporanea.

Primo assioma
Non si può non comunicare
Se si parte dal presupposto che ogni comportamento è comunicazione, ne consegue che, per quanto ci si sforzi, in presenza di altre persone non si può fare a meno di comunicare.

Secondo assioma
Ogni comunicazione ha un aspetto di contenuto e un aspetto di relazione di modo che il secondo classifica il primo ed è quindi metacomunicazione.
Ogni comunicazione trasmette un’informazione, una notizia, mentre a un altro livello, metacomunicativo, di comunicazione sulla comunicazione, impartisce un comando su come intendere quell’informazione e il rapporto tra il mittente e il ricevente. L’aspetto di notizia di un messaggio trasmette informazione ed è quindi sinonimo nella comunicazione umana del contenuto del messaggio. L’aspetto di comando si riferisce invece alla relazione tra i comunicanti. Quindi, ogni comunicazione ha un aspetto di contenuto e un aspetto di relazione, di modo che il secondo classifica il primo ed è quindi metacomunicazione. Watzlawick utilizza l’analogia del calcolatore: per operare, la macchina ha bisogno non solo di dati (informazione), ma anche di dati sui dati, ovvero di codice che dica alla macchina come trattare i dati (metainformazione). Portando l’analogia nel mondo della comunicazione umana, possiamo identificare l’aspetto di notizia del messaggio come comunicazione, e l’aspetto di comando come metacomunicazione.

Terzo assioma
La natura di una relazione dipende dalla punteggiatura delle sequenze di comunicazione tra i comunicanti.
Le interazioni sono serie oscillanti, nelle quali generalmente è arbitrario stabilire un inizio e ricostruire una sequenza. Molti conflitti nascono da una differente segmentazione dell’interazione. Ogni parlante interpreta lo scambio in modo tale da vedere il proprio comportamento come causato dal comportamento dell’altro, e mai come causa della reazione dell’altro, e viceversa: in breve, ogni parlante accusa l’altro di essere la causa del proprio comportamento. Ad esempio, un marito che si chiude in se stesso e una moglie che brontola possono accusarsi reciprocamente del disagio di coppia, perchè il marito dice “mi chiudo perchè brontoli” e la moglie “brontolo perchè ti chiudi”.

Quarto assioma
Comunicazione numerica e analogica
Gli esseri umani comunicano sia con il modulo numerico che con quello analogico. Il linguaggio numerico ha una sitassi logica assai complessa e di estrema efficacia ma manca di una semantica adeguata nel settore della relazione, mentre il linguaggio analogico ha la semantica ma non ha alcuna sintassi adeguata per definire in un modo che non sia ambiguo la natura delle relazioni. Cos’è allora la comunicazione analogica? Praticamente è ogni comunicazione non verbale (intesa nel senso esteso proprio di Watzlawick, che quindi include posizioni del corpo, gesti, espressioni del viso, inflessioni della voce, sequenza e ritmo delle parole, il contesto in cui avviene la comunicazione). L’uomo è l’unico essere vivente ad usare sia il modulo analogico che quello numerico per comunicare con i suoi simili. Gli animali, quando parliamo loro, non capiscono il significato delle nostre frasi, ma al contrario capiscono benissimo la ricchezza analogica con cui comunichiamo loro queste frasi.

Quinto assioma
Tutti gli scambi di comunicazione sono simmetrici o complementari, a seconda che siano basati sull’eguaglianza o sulla differenza.
Nell’interazione simmetrica i partner tendono a fare le stesse cose ( es. aggressione/aggressione, gentilezza/gentilezza) nel tentativo di minimizzare le differenze, mentre nell’interazione complementare un partner assume la posizione dominante e l’altro la posizione sottomessa. In quest’ultimo caso, un partner assume una posizione primaria, detta one-up, superiore; mentre l’altro partner completa per così dire la configurazione assumendo una posizione one-down, ovvero inferiore. Non dobbiamo tuttavia attribuire giudizi di valore come “buono” e “cattivo” o “forte” e “debole” alla precedente distinzione: l’assunzione di una posizione o l’altra potrebbe essere determinata semplicemente da contesti culturali o sociali (es. madre/figlio, medico/paziente, insegnante/allievo).

About these ads

3 commenti

Archiviato in Comunicazione

3 risposte a “La pragmatica della comuncazione della scuola di Palo Alto

  1. Caro Alberto,
    Dopo le Vacanze di Natale, il 23 di Febbraio, Ripeto per il secondo Anno consecutivo il Corso di Psicologia della Comunicazione presso le Scuole Medie Biancheri di Ventimiglia, quando verresti ad aggiustarmi il Computer? Alla Spes, va tutto bene, ho instaurato dei buoni Rapporti con i miei Operatori, solo dobbiamo ritrovare insieme ai miei genitori il nostro equilibrio famigliare.
    Cosa ne pensi di vederci per Venerdì 13 di Novembre?
    Ciao da Ale, e Famiglia,

  2. ciao Alex molto interessante e spiegato bene … io lavoro nel campo della comunicazione anche tu ?
    vai a controllare il mio sito http://www.coaching.it e dammi unfeedbck
    ciao Rita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...